TICKET REGIONE UMBRIA - Farmacia & Salute

Vai ai contenuti

Menu principale:

UNIVERSO FARMACIA > TICKET FARMACI REGIONALI
 

TICKET REGIONE UMBRIA

 
 
 

Dal 12 settembre 2011 in Umbria viene introdotto un ticket in base al reddito familiare lordo per i farmaci erogati dal SSN secondo il seguente prospetto:

  • 0 € per reddito da 0 a 36.151,98€

  • 1,00 € per confezione fino a un massimo di 2€ per ricetta per reddito da 36.151,99 a 70.000€

  • 2,00 € per confezione fino a un massimo di 4€ per ricetta per reddito da 70.000,01 a 100.000€

  • 3,00 € per confezione fino a un massimo di 6€ per ricetta per reddito oltre 100.000€


Medicinali a brevetto scaduto: nel caso sia richiesto all'assistito il pagamento di una differenza di prezzo rispetto a quello di riferimento nell'ambito della lista di trasparenza, a questa si deve sommare il ticket

Ossigeno: la quota di compartecipazione si applica alle prescrizioni di ossigeno equiparando la bombola alla confezione

Distribuzione per conto: sono esclusi dalla compartecipazione i farmaci erogati in "Distribuzione per conto"

Laddove la compartecipazione superasse il costo della confezione del farmaco, l'utente è tenuto a pagare una quota di partecipazione pari al prezzo del farmaco e la ricetta, non spedita in regime SSN, è gestita come fosse una normale ricetta "bianca"
 
ESENTI:

  • gli assistiti affetti da patologie croniche e invalidanti individuate dai Decreti del Ministero della Sanità 329/1999 e 296/2001 e i pazienti affetti da malattie rare individuate dal Decreto del Ministero della Sanità 279/2001 per i farmaci correlati alla patologia di esenzione la valutazione è rimessa al medico prescrittore;

  • gli invalidi di guerra titolari di pensione vitalizia;

  • gli ex deportati da campi di sterminio titolari di pensione vitalizia;

  • gli invalidi per servizio;

  • gli invalidi civili al 100% e i grandi invalidi per lavoro;

  • i danneggiati da vaccinazione obbligatoria, trasfusioni, somministrazione di emoderivati, limitatamente alle prestazioni necessarie per la cura delle patologie previste dalla legge 210/1992;

  • le vittime del terrorismo e della criminalità organizzata e familiari;

  • i ciechi e i sordomuti;

  • gli infortunati sul lavoro per il periodo dell'infortunio o affetti da malattie professionalei, limitatamente all'erogazione dei farmaci prescritti per il trattamento delle conseguenze dell'infortunio e al preiodo dell'infortunio stesso;

  • soggetti con meno di 6 anni o più di 65 anni con reddito familiare non superiore a 36.151.98 euro (ex art.8, comma 16 della L.537/1993 e succ. modifiche e integrazioni)

  • disoccupati, e loro familiari a carico con reddito familiare inferiore a 8.263,31 euro incrementato a 11.362,05 euro in presenza del coniuge ed in ragione di ulteriori 516 euro per ogni figlio a carico (ex art.8 comma 16 della L. 537/1993 e succ. modifiche e integrazioni)

  • titolari di assegno (ex pensione) sociale e loro familiari a carico (ex art. 8 comma 16 della L. 537/1993 e succ.modifiche e integrazioni)

  • titolari di pensione al minimo, con più di 60 anni e loro familiari a carico con reddito familiare inferiore a 8.263,31 euro incrementato a 11.362,05 euro in presenza del coniuge ed in ragione di ulteriori 516 euro per ogni figlio a carico (ex art.8 comma 16 della L. 537/1993 e succ. modifiche e integrazioni)

  • i disoccupati iscritti agli elenchi anagrafici dei Centri per l'impiego e i familiari a carico.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu